Cosa guardano online

Dilettante vs professionista: cosa preferiscono gli utenti?

La maggior parte degli spettatori di video online preferisce i video prodotti professionalmente ai contenuti 'prodotti da dilettanti'. Tuttavia, i segmenti che esprimono una preferenza per i contenuti amatoriali o affermano di apprezzare entrambi i generi allo stesso modo sono considerevoli e quelli che sono tra gli spettatori più ambiti dagli inserzionisti (uomini di età compresa tra 18 e 29 anni) hanno maggiori probabilità di esprimere una preferenza per i dilettanti video.

Complessivamente, il 62% degli spettatori di video online afferma che i propri video preferiti sono quelli prodotti professionalmente, mentre il 19% degli spettatori di video online esprime una preferenza per i contenuti amatoriali. Un altro 11% afferma di apprezzare allo stesso modo sia i video prodotti professionalmente che i video amatoriali online.

I giovani uomini sono tra coloro che hanno meno probabilità di esprimere una preferenza per i video prodotti professionalmente.

Ancora una volta, i giovani adulti si distinguono come un gruppo unico di spettatori di video online. Ben il 30% degli spettatori di video online di età compresa tra i 18 ei 29 anni afferma di preferire i video amatoriali e il 16% afferma di apprezzare allo stesso modo i video amatoriali e quelli prodotti professionalmente. Solo il 51% dei giovani spettatori adulti afferma che i propri video preferiti da guardare sono quelli prodotti professionalmente. Per i giovani uomini adulti che sono spettatori di video online, questo numero è ancora più basso; Il 43% esprime una netta preferenza per i video professionali, mentre il 34% preferisce i contenuti amatoriali. Un altro 19% degli spettatori di video di sesso maschile di età compresa tra i 18 ei 29 anni afferma di apprezzare sia i contenuti amatoriali che quelli professionali.

Coloro che valutano o commentano un video sono anche più propensi rispetto al visualizzatore di video online medio a esprimere una preferenza per il materiale amatoriale; mentre il 48% afferma di preferire ancora i video professionali, il 26% preferisce i contenuti amatoriali e il 21% afferma di apprezzare entrambi i tipi di video allo stesso modo.

Il 37% degli utenti Internet adulti riferisce di aver visto video di notizie online e il 10% afferma di guardare video di notizie in una giornata tipo.

I notiziari sono stati tra i primi grandi investitori nel regno dei video online e i loro primi spettacoli di vantaggio. Il video di notizie è il genere di video più visto, con il 37% degli utenti Internet adulti che segnalano un certo tipo di visualizzazione o download e il 10% afferma di guardare video di notizie in una giornata tipo. A parte la pletora di contenuti di notizie pubblicati su siti di condivisione video come YouTube e Google Video, i video relativi alle notizie possono ora essere trovati praticamente su qualsiasi sito Web associato ai principali canali di notizie TV di rete, notizie TV via cavo e sulla maggior parte dei siti Web di giornali tradizionali. Inoltre, blog, podcast video, siti Web personali e siti Web di social network presentano anche video relativi alle notizie.

Video: cosa

I video di notizie sono la categoria più popolare per tutti tranne i giovani adulti.

I contenuti delle notizie catturano l'attenzione degli utenti di tutte le generazioni ed è il genere più popolare con ogni fascia di età ad eccezione di quelle di età compresa tra 18 e 29 anni. Per i giovani adulti, la commedia è un'attrazione maggiore, con il 56% degli utenti di Internet di età compresa tra 18 e 29 anni che afferma di guardareumoristicovideo, rispetto al 43% che afferma di guardarenotiziavideo. Tuttavia, in una giornata tipo, i giovani utenti di Internet adulti hanno la stessa probabilità di vedere notizie e commedie; Il 15% delle persone di età compresa tra i 18 ei 29 anni riferisce di aver visto in entrambe le categorie nel giorno medio. In effetti, gran parte dei contenuti visualizzati dai giovani adulti, come le clip di The Daily Show o The Colbert Report, confonde il confine tra notizie e commedia.



La visione di video di notizie è più diffusa tra gli uomini che tra le donne; Il 42% degli uomini online segnala il consumo di notizie video, contro il 32% delle donne online. Inoltre, gli uomini hanno il doppio delle probabilità delle donne di guardare o scaricare video di notizie in un giorno tipico: il 14% degli uomini online lo segnala, rispetto al 7% delle donne online.

Quelli con livelli di reddito e istruzione più elevati hanno maggiori probabilità di segnalare la visualizzazione di video di notizie, una tendenza che non è coerente in tutte le categorie di contenuti video. In particolare per quanto riguarda il reddito, i visualizzatori di video online di altri generi tendono ad essere equamente distribuiti tra i diversi gruppi di guadagni.

Spettacoli di notizie; Spettacoli comici

I video comici e umoristici attirano il maggior numero di giovani spettatori adulti.

I video comici e umoristici sono il secondo genere di video online più visto tra la popolazione totale di adulti online e il genere migliore per i giovani spettatori adulti; Il 31% degli utenti di Internet ha guardato o scaricato video comici o umoristici e il 7% lo fa in una giornata tipo. Tra i giovani utenti di Internet adulti, il 56% ha guardato video divertenti online, mentre il 15% lo fa in una giornata tipo. Ogni visita a YouTube o Google Video produrrà collegamenti a video in primo piano o popolari destinati a suscitare una risata. Ciò che alcuni considerano divertente, altri potrebbero trovarlo offensivo o stupido, ma la vasta gamma di video umoristici - che si tratti di stupide buffonate da compagnia, snafus di moda sul tappeto rosso o satira politica prodotta professionalmente - fornisce una vera cornucopia di contenuti tra cui scegliere.

I giovani adulti consumano e probabilmente contribuiscono anche gran parte dei contenuti video che rientrano nella categoria delle commedie. Mentre più della metà dei giovani utenti adulti di Internet afferma di guardare o scaricare video umoristici online, solo il 29% degli utenti di età compresa tra 30 e 49 anni, il 17% di quelli tra 50 e 64 anni e il 12% di quelli di età pari o superiore a 65 anni lo riferiscono. Come nel caso dei contenuti di notizie, anche gli utenti maschi sono consumatori più attivi di contenuti comici online; Il 38% degli uomini guarda o scarica video comici, contro il 25% delle donne online. In una giornata tipica, il 9% degli utenti di sesso maschile e il 5% degli utenti di sesso femminile guarda o scarica contenuti video umoristici.

Con brevi clip, i video musicali attirano anche un pubblico giovane online.

Come le notizie, anche i video musicali possono facilmente passare alla categoria delle commedie. Strano Al Yankovic & rsquo; s & ldquo; White and Nerdy & rdquo; il video musicale è uno dei video più visti di tutti i tempi su YouTube ed è elencato sia nella categoria musica che in quella commedia. I video musicali sono stati un argomento popolare di parodie generate dagli utenti online; il musicista James Blunt in cima alle classifiche, & ldquo; You & rsquo; re Beautiful & rdquo; è stato oggetto di numerose parodie e & ldquo; Paxilback, & rdquo; una raffinata parodia di Justin Timberlake & rsquo; s & ldquo; Sexyback & rdquo; ha aiutato il collettivo di artisti People Food a ottenere un contratto con United Talent Agency.6

Complessivamente, il 22% degli utenti Internet adulti guarda o scarica alcuni tipi di video musicali online e il 4% lo fa in una giornata tipica. In molti modi, coloro che producono video musicali, sia professionisti che dilettanti, sono stati ben preparati a sfruttare Internet come mezzo di distribuzione semplicemente a causa della natura ridotta della maggior parte dei video musicali. Il gruppo rock professionista OK Go ha avuto un enorme successo nella creazione di video di danza divertenti e intelligenti con un budget ridotto per promuovere le loro canzoni, e musicisti dilettanti hanno utilizzato il sito come un modo per ottenere feedback su nuove canzoni o esibizioni dal vivo.

Tuttavia, come nel caso della commedia, i giovani adulti di solito sono quelli che guardano. Mentre il 46% degli utenti di età compresa tra i 18 ei 29 anni sono consumatori di video musicali, meno della metà dei 30-49 anni (19%) afferma di guardare o scaricare video musicali online. Solo il 9% degli utenti di età pari o superiore a 50 anni guarda o scarica video musicali. Non sorprende, quindi, che i giovani adulti siano anche i più frequenti spettatori di video musicali; Il 13% afferma di guardare video musicali in una giornata normale.

Per una generazione svezzata su MTV, i video musicali sono una forma di moneta culturale e avere la capacità di condividere quell'esperienza visiva con gli amici può riguardare tanto l'interazione sociale quanto l'intrattenimento. Tuttavia, i giovani adulti non sono certo gli unici che potrebbero essere attratti da questo tipo di condivisione di video sui social. Il vasto archivio di video musicali disponibile online offre ampie opportunità di scoperta e riscoperta di filmati musicali dal vivo e preregistrati. Grazie al tagging è possibile richiamare con una semplice ricerca video musicali degli anni '80, filmati di concerti degli anni '70 e persino spezzoni televisivi degli anni '60. Solo perché il contenuto è stato creato prima dell'era digitale non significa che qualcuno non abbia già affrontato il problema di digitalizzarlo.

Gli uomini online hanno generalmente maggiori probabilità di consumare video musicali rispetto alle donne (26% contro 19%), ma entrambi i gruppi hanno la stessa probabilità di cercare video musicali in una giornata tipica (5% contro 4%). Gran parte del divario tra uomini e donne per la visione di video musicali deriva dalla fascia di età 30-49 anni. Per i giovani adulti e gli utenti di età superiore ai 50 anni, le differenze nell'incidenza della visualizzazione di video musicali non sono significative.

Video musicali; Video educativi

I video educativi interessano gli spettatori di tutte le età.

Mentre i video musicali possono essere creati principalmente per l'intrattenimento, i video con contenuti educativi sono ugualmente popolari tra la popolazione generale degli utenti di Internet e ancora di più per gli anziani. Circa un utente Internet su cinque (22%) afferma di guardare o scaricare video educativi e il 3% lo fa in una giornata tipo. Tuttavia, c'è una variazione minima tra i gruppi di età; i giovani utenti di Internet adulti guardano o scaricano contenuti video educativi all'incirca alla stessa percentuale degli utenti di età pari o superiore a 65 anni (28% contro 21%).

Imparare una nuova lingua, istruirti sulle tecniche di ristrutturazione della casa o conseguire una laurea online può essere facilitato attraverso l'uso di video online. A volte indicato come & ldquo; How-to & rdquo; o & ldquo; fai da te & rdquo; video, queste clip vanno da quelle che forniscono consigli pratici di tutti i giorni come, & ldquo; Come piegare perfettamente una maglietta & rdquo; a quelli che illustrano visivamente teorie o concetti, come si fa in & ldquo; Web 2.0… The Machine is Us / ing Us. & rdquo;

Uomini e donne riferiscono di guardare video educativi allo stesso livello; Il 24% degli uomini online consuma video educativi contro il 20% delle donne online. Questo è l'unico genere di video online, diverso da film e TV, dove c'è parità di genere tra coloro che guardano.

Animazioni e cartoni animati attirano il giovane pubblico maschile.

I video di animazione hanno catturato l'attenzione del 19% della popolazione di adulti online. Il tre percento degli utenti di Internet dichiara di guardare o scaricare video animati in una giornata tipo. Non sorprende che gli utenti più giovani rappresentino gran parte del pubblico di animazione online, poiché il 32% degli utenti di Internet di età compresa tra 18 e 29 anni afferma di guardare o scaricare animazioni o cartoni animati online, mentre il 19% degli utenti di età compresa tra 30 e 49 anni lo segnala. Solo il 9% degli utenti dai 50 anni in su afferma di aver guardato video animati online.

Gli utenti di sesso maschile hanno più probabilità di dire di guardare l'animazione online (23% contro 16%), ma gran parte di questa differenza deriva dai giovani maschi, quasi il 40% dei quali guarda o scarica video animati.

Animazione o cartoni animati; Film o programmi TV

I lungometraggi e i programmi TV continuano a farsi strada online.

Un utente Internet su sei (16%) afferma di guardare o scaricare & ldquo; film o programmi TV & rdquo; ma è probabile che questa cifra non tenga conto di tutti coloro che si limitano a guardareestrattida film e programmi TV, che sono costantemente tra i contenuti più visti sui principali siti di condivisione video. Molti film e programmi televisivi sono anche ampiamente disponibili su reti peer-to-peer e siti Bit Torrent. Alcune stime suggeriscono che i file video rappresentano il 10% dell'attività di condivisione di file su reti peer-to-peer.7

Allo stesso tempo, c'è stata una grande spinta da parte delle principali reti televisive per fornire più episodi completi di programmi televisivi in ​​prima serata gratuitamente online. ABC & rsquo; s & ldquo; Lost & rdquo; e & ldquo; Desperate Housewives & rdquo; erano tra le prime offerte gratuite, e molti altri spettacoli, come NBC & rsquo; s & ldquo; The Office & rdquo; e & ldquo; Law & Order & rdquo; hanno seguito l'esempio. Tuttavia, alcune ricerche suggeriscono che molti spettatori non sono a conoscenza dei contenuti televisivi in ​​streaming disponibili online. Uno studio pubblicato nel gennaio 2007 dalla CBS Research ha rilevato che solo il 56% dei telespettatori statunitensi era consapevole di poter guardare online i video in streaming dei programmi televisivi di rete.8

Anche i film ei contenuti televisivi sono provincia dei giovani; quasi un terzo degli utenti di età compresa tra i 18 ei 29 anni guarda o scarica film e programmi TV, mentre la metà degli utenti di età compresa tra i 30 e i 49 anni lo fa (30% contro 16%). Solo il 7% degli utenti di età pari o superiore a 50 anni afferma di vedere film e programmi televisivi online. Gli utenti di sesso maschile e femminile affermano di ricevere film e programmi TV online in numero uguale (16% e 17%).

I contenuti politici risuonano maggiormente tra gli spettatori attivi che valutano o commentano il video.

Come abbiamo notato nel nostro & ldquo; Rapporto online sulle elezioni 2006 & rdquo; rapporto, l'ascesa del video online come forza politica è stata una delle principali vicende durante le ultime elezioni. Il numero di americani che si affidavano a Internet per notizie e informazioni politiche era raddoppiato dal 2002 e il video aveva già iniziato a svolgere un ruolo fondamentale nel fornire informazioni relative alle elezioni del 2008.

I contenuti video politici attualmente raccolgono circa lo stesso numero di spettatori di coloro che affermano di guardare o scaricare film e programmi televisivi online; Il 15% degli utenti di Internet afferma di aver cercato contenuti video politici online e il 2% riferisce di averlo fatto in una giornata tipo. La maggior parte degli spettatori di video politici ha meno di 50 anni e livelli di istruzione più elevati. Un giovane utente Internet adulto su cinque guarda online contenuti video politici e il 5% lo fa in una giornata tipo. Gli uomini online hanno maggiori probabilità di visualizzare contenuti politici rispetto alle donne online; 18% contro 12%.

Il contenuto politico è particolarmente popolare tra il segmento di spettatori di video che valutano o commentano video online. Ben il 44% di coloro che danno qualche forma di feedback dopo la visione afferma di cercare video politici online.

Video politici; Video sportivi

Il pubblico per i contenuti video sportivi è modesto rispetto alle dimensioni del pubblico totale in cerca di informazioni sportive.

Che gli spettatori siano interessati a momenti salienti o errori, calcio o hurling, i contenuti video sportivi sono ampiamente disponibili online. Tuttavia, il pubblico totale che cerca qualsiasi tipo di informazione sportiva online è tre volte più grande del pubblico che guarda i video sportivi. Nell'agosto del 2006, il 45% degli utenti Internet adulti ha dichiarato di ottenere risultati sportivi e informazioni online e il 15% lo ha fatto in una giornata tipo. In confronto, il 14% degli utenti di Internet ora afferma di guardare o scaricare video sportivi e il 3% afferma di farlo in una giornata tipo.

Il pubblico dei video sportivi è fortemente dominato da spettatori maschi; gli uomini online hanno quasi quattro volte più probabilità delle donne online di guardare o scaricare video sportivi (23% contro 6%). Non sorprende che i giovani adulti segnalino livelli più elevati di consumo di video sportivi. Un utente di Internet su quattro (24%) di età compresa tra i 18 ei 29 anni guarda o scarica video sportivi, rispetto al 14% dei 30-49, l'8% dei 50-64 e solo il 7% dei 65 anni.

Un utente Internet su otto guarda o scarica pubblicità online.

Il contenuto video commerciale è spesso integrato in altri tipi di video online ed è un componente fondamentale dei banner pubblicitari su molti siti Web popolari, come MySpace.com e proprietà di Yahoo. Gli utenti possono cercare attivamente video commerciali, ad esempio durante la ricerca di pubblicità del Super Bowl o pubblicità nostalgiche sui computer Apple degli anni '80, oppure visualizzare passivamente i contenuti commerciali in streaming su un sito in cui stanno leggendo un articolo o cercando informazioni sulla salute.

Quando gli viene chiesto se ha mai utilizzato Internet per guardare o scaricare pubblicità o pubblicità, il 13% degli utenti di Internet risponde & ldquo; sì. & Rdquo; Solo il 2% degli utenti di Internet afferma di guardare gli spot pubblicitari in una giornata normale.

I giovani adulti hanno il doppio delle probabilità degli utenti di età pari o superiore a 50 anni di dire che guardano o scaricano video commerciali online; Il 22% di quelli di età compresa tra i 18 ei 29 anni, il 13% degli utenti di età compresa tra 30 e 49 anni, il 7% degli utenti di età compresa tra 50 e 64 anni e l'8% di quelli di età pari o superiore a 65 anni afferma di consumare contenuti video commerciali online.

Pubblicità o annunci; Video per adulti

È più probabile che i giovani utenti maschi affermino di aver guardato o scaricato video per adulti online.

Mentre è altamente improbabile che gli intervistati ammettano di visualizzare contenuti video per adulti, il 6% degli utenti Internet dichiara di guardare o scaricare contenuti video per adulti online e l'1% riferisce di consumare video per adulti in una giornata tipica. Non sorprende che gli uomini e gli utenti più giovani siano quelli più propensi a segnalare la visualizzazione di video per adulti. Mentre l'11% degli utenti Internet di sesso maschile afferma di guardare o scaricare contenuti video per adulti online, solo l'1% degli utenti di Internet di sesso femminile lo segnala. Allo stesso modo, il 13% degli utenti di età compresa tra i 18 ei 29 anni, il 5% di quelli tra i 30 ei 49 anni, l'1% di quelli tra i 50 ei 64 anni e il 3% di quelli di età pari o superiore a 65 anni afferma di guardare o scaricare video per adulti.

Pochi pagano per accedere ai video online.

Fornire accesso gratuito ai contenuti video è stato fondamentale per la popolarità di YouTube e di altri portali video online. Al momento, pochi spettatori di video online pagano per i video che guardano; solo il 7% afferma di aver pagato per accedere o scaricare video online.

Tuttavia, i giovani adulti, che spesso si ritiene abbiano scarso interesse a pagare per la musica e altri media digitali, sono in realtà più propensi degli spettatori di video più anziani a pagare per contenuti video online. Mentre il 10% degli spettatori di video online di età compresa tra 18 e 29 anni ha pagato per accedere o scaricare video online, solo il 3% degli spettatori di video di età compresa tra 50 e 64 anni lo ha fatto.

Al momento non ci sono differenze significative tra uomini e donne e utenti a tutti i livelli economici e di istruzione quando si tratta di pagare per i contenuti video online. Tuttavia, nel piccolo gruppo di spettatori di video che affermano di caricare anche contenuti video (n = 93), il 20% afferma di aver pagato per l'accesso a video online. Solo il 5% degli spettatori di video che non hanno mai caricato il video afferma di aver pagato per il video.

Facebook   twitter