• Principale
  • Notizia
  • I musulmani dovrebbero superare gli ebrei come secondo gruppo religioso statunitense

I musulmani dovrebbero superare gli ebrei come secondo gruppo religioso statunitense

Secondo le proiezioni del Pew Research Center dei principali gruppi religiosi di tutto il mondo, si prevede che due tendenze già ben avviate - il declino dei cristiani e la crescita delle persone religiosamente non affiliate come quota della popolazione degli Stati Uniti - continueranno nei decenni a venire. .

Ma, se le attuali tendenze demografiche reggono, ci saranno anche altri cambiamenti significativi nel panorama religioso degli Stati Uniti: il giudaismo non sarà più la più grande religione non cristiana del paese e, entro il 2050, i musulmani dovrebbero essere più numerosi negli Stati Uniti. rispetto alle persone che si identificano come ebree sulla base della religione.

In parte a causa della loro continua migrazione nel paese, si prevede che i musulmani rappresenteranno il 2,1% della popolazione degli Stati Uniti nel 2050, rispetto allo 0,9% nel 2010. Due altri fattori importanti stanno guidando la crescita dei musulmani: attualmente hanno il più alto tasso di fertilità e l'età media più giovane di qualsiasi grande gruppo religioso negli Stati Uniti

Si prevede che le persone che identificano la loro religione come ebraica nei sondaggi diminuiranno dall'1,8% stimato della popolazione statunitense nel 2010 all'1,4% nel 2050. L'età media degli ebrei statunitensi nel 2010 (41) era di 17 anni in più rispetto all'età media per i musulmani (24), mentre gli ebrei, in media, hanno 1,9 figli per donna contro i 2,8 dei musulmani statunitensi.

Un sondaggio Pew Research del 2013 ha rilevato che più di un adulto ebreo statunitense su cinque (22%) afferma di essere ateo, agnostico o niente in particolare, ma si considera ancora ebreo. Ai fini delle proiezioni, questi ebrei 'culturali' o 'etnici' sono classificati come non affiliati e non inclusi nella popolazione ebraica. Se il numero previsto di ebrei fosse ampliato per includere ebrei culturali o etnici, è possibile che gli ebrei (definiti in modo più ampio) potrebbero ancora superare i musulmani nel 2050.

In ogni caso, i musulmani non sono l'unica minoranza religiosa americana che sta crescendo. Gli indù, che costituiscono un altro gruppo relativamente giovane che continua a essere stimolato dalla migrazione, dovrebbero raddoppiare come quota della popolazione degli Stati Uniti, dallo 0,6% nel 2010 all'1,2% nel 2050. Fattori simili spiegano il modesto aumento previsto nel quota di buddisti (dall'1,2% all'1,4%).



Si prevede che cresceranno anche altri due gruppi relativamente piccoli. Si prevede che i membri di `` altre religioni '' (una categoria per tutti quelli non classificati altrove nelle proiezioni, inclusi sikh, wiccan e universalisti unitari) aumenteranno dallo 0,6% della popolazione statunitense nel 2010 all'1,5% nel 2050, mentre gli aderenti al folk si prevede che le religioni aumenteranno dallo 0,2% allo 0,5%. Il passaggio dei religiosi a queste categorie, osservato in recenti sondaggi, spiega alcuni degli aumenti.

Complessivamente, si prevede che i gruppi religiosi minoritari - ovvero tutti tranne i cristiani e i non affiliati - cresceranno da circa il 5% degli americani nel 2010 a circa l'8% nel 2050.

Facebook   twitter