• Principale
  • Notizia
  • Si prevede che la popolazione centenaria mondiale crescerà di otto volte entro il 2050

Si prevede che la popolazione centenaria mondiale crescerà di otto volte entro il 2050

La popolazione centenaria del mondo dovrebbe crescere rapidamenteIl mondo ospitava quasi mezzo milione di centenari (persone dai 100 anni in su) nel 2015, più del quadruplo rispetto al 1990, secondo le stime delle Nazioni Unite. E questa crescita dovrebbe accelerare: le proiezioni suggeriscono che ci saranno 3,7 milioni di centenari in tutto il mondo nel 2050.

Sebbene i centenari costituiscano una piccola parte della popolazione più anziana del mondo, la loro proporzione è in aumento. Nel 1990 c'erano 2,9 centenari ogni 10.000 adulti di età pari o superiore a 65 anni in tutto il mondo. Tale quota è cresciuta a 7,4 entro il 2015 e dovrebbe salire a 23,6 entro il 2050.

Dal 1990, la popolazione delle persone di età pari o superiore a 80 anni - i segmenti più anziani della popolazione di oltre 65 anni - è cresciuta più rapidamente di quella dei segmenti più giovani, quelli di età compresa tra 65 e 79 anni. Questa crescita più rapida è guidata dal miglioramento delle aspettative di vita tra i 65 anni e gli anziani.

Gli Stati Uniti hanno il maggior numero di centenari nel 2015, ma meno pro capite rispetto agli altri paesi principaliLe stime della popolazione centenaria possono essere difficili da ottenere a causa di problemi di segnalazione errata e di elaborazione dei dati. Spesso è difficile verificare le età riportate, poiché i centenari potrebbero non avere documenti di nascita per confermare la loro età. Ma i dati disponibili suggeriscono che gli Stati Uniti guidano il mondo in termini di numero di centenari, seguiti da Giappone, Cina, India e Italia.

Cina e India figurano nell'elenco principalmente a causa delle loro grandi popolazioni. Attualmente i centenari costituiscono una quota molto piccola, proporzionalmente, di questi paesi relativamente giovani. Ma costituiscono una quota maggiore della popolazione totale del Giappone e dell'Italia che invecchiano rapidamente. Oggi ci sono 4,8 centenari ogni 10.000 persone in Giappone e 4,1 in Italia.

In confronto, negli Stati Uniti - che stanno invecchiando a un ritmo più lento del Giappone e dell'Italia, in parte a causa della maggiore fertilità e dei tassi di immigrazione - ora ci sono 2,2 centenari ogni 10.000 persone.



Entro il 2050, si prevede che la Cina avrà la più grande popolazione centenaria, seguita da Giappone, Stati Uniti, Italia e India, che rimarranno anche tra i primi cinque.

Il numero di centenari in Cina e Giappone dovrebbe superare il numero negli Stati Uniti

Il Giappone e l'Italia avranno la percentuale più alta di centenari rispetto alla popolazione totale. Ma tra questi primi cinque paesi centenari, la quota centenaria crescerà più rapidamente in Cina, dove si prevede che la popolazione invecchierà rapidamente nei prossimi decenni. Entro il 2050, ci saranno 4,6 centenari ogni 10.000 persone in Cina, 13 volte la quota molto ridotta di oggi. In Giappone e in Italia, la percentuale di centenari rispetto alla popolazione totale aumenterà di nove volte, raggiungendo rispettivamente 41,1 e 38,3 centenari per 10.000 persone.

La quota centenaria delle popolazioni di Stati Uniti e India crescerà meno rapidamente. Ci saranno 9,7 centenari ogni 10.000 persone negli Stati Uniti e 1,2 in India entro il 2050. Nel complesso, le popolazioni di questi due paesi saranno relativamente più giovani di Cina, Giappone e Italia entro il 2050.

Facebook   twitter